logo-eau-omanheader

Missione incoming Settore Meccanica – Meccatronica
4 – 8 febbraio 2013

Promuovere l'internazionalizzazione di imprese siciliane, creare una rete di rapporti finalizzati all'export con operatori fortemente interessati ai prodotti siciliani, consentire alle aziende locali di far conoscere i propri prodotti per il loro inserimento in nuovi mercati. Sono questi gli obiettivi principali del Progetto Paesi del Golfo , voluto dall'Assessorato regionale delle Attività Produttive - Servizio Internazionalizzazione, nell'ambito del PO FESR 2007/2013 - Obiettivo Operativo 5.2.1.A - , grazie al quale 15 operatori economici provenienti dagli Emirati Arabi uniti e dall'Oman saranno in Sicilia da lunedì 4 e fino a venerdì 8 febbraio, per visitare imprese siciliane della meccanica e meccatronica, appositamente selezionate ed allacciare con queste rapporti commerciali. L'attività di incoming- che vedrà gli operatori esteri far tappa nelle provincie di Palermo, Trapani, Caltanissetta, Ragusa e Catania- coinvolge 14 aziende siciliane. La visita in Sicilia degli operatori commerciali segue di alcuni mesi la missione siciliana a Dubai per gli incontri preparatori a questa nuova fase del progetto. La missione coinvolge aziende siciliane per le quali la proiezione internazionale, ancora assai ridotta, può rappresentare un importante punto di svolta. L'interscambio Italia - Emirati arabi uniti è cresciuto regolarmente ed ininterrottamente negli ultimi anni triplicandosi nel periodo 2000-2008 e in particolare l'avanzo commerciale positivo per l'Italia è passato da 1,7 a 4,8 miliardi di euro. Le aziende siciliane coinvolte sono state selezionate fra quelle capaci di proporre prodotti che rispondano agli interessi manifestati dagli operatori degli emirati nel corso della missione a Dubai, comprendendo aziende a forte contenuto tecnologico compresa l'energia prodotta da fonti rinnovabili. Un comparto che, a sorpresa, mostra in Sicilia una crescente vitalità anche supportato dalla creazione di un apposito Distretto produttivo che raccoglie circa 100 aziende con oltre 2mila addetti. Si tratta di aziende per lo più medio-piccole con un fatturato annuo inferiore ai 10 milioni ma che è mediamente cresciuto dell'8% negli ultimi anni. In questo comparto l'export si attesta intorno al 30% , dato che potrebbe essere ulteriormente incrementato anche grazie aprogetti come questo.